Il Life coaching e l'importanza di fare pratica

Perché i risultati nascono dall'azione continua

Lo avrai notato anche tu. Le persone cercano in tutti i modi di evitare la fatica ovunque si presenti. La tecnologia ha anche questo compito: permetterti di alleggerire il carico di lavoro che ogni giorno la vita ti impone.

Può trattarsi del peso della spesa, di sollevare il portabagagli dell’auto, oppure di leggere un libro con l’audiolibro.

La società di oggi è molto centrata sul permetterti di evitare la fatica così da vivere meglio. Ma sei così sicuro che tutta questa riduzione di sforzo sia sempre utile? Proviamo a pensarci insieme.

Sappiamo bene quanto sia importante l’agire per migliorare il tuo senso di autoefficacia rispetto a un obbiettivo che vuoi raggiungere.

Il Life coaching ha proprio in questo uno dei suoi capisaldi.

Se deleghi ogni aspetto e smetti di metterti alla prova l’unica cosa che ti rimane è l’organizzazione delle priorità delle cose che devi fare. Se pensi poi che arriverà a breve l’intelligenza artificiale anche questa possibilità ti verrà probabilmente sottratta.

Non puoi evitare questa evoluzione ma va trovato il giusto compromesso che non ti limiti nella tua “umanità”. 

Sei fatto per fare esperienza e le risorse positive che hai dentro te chiedono di essere utilizzate perché anche in questo sta la tua realizzazione personale.

Ecco perché quando ti attivi con piacere sei così coinvolto e hai in te un carburante potente: la miscela di emozioni che ti supporta e spinge avanti.

L’agire fisico, e anche intellettuale, è sia causa che effetto di emozioni che ti ricordano il bello dell’essere protagonista della vita.

Così si spiega la scelta di molte persone che, estremizzando, arrivano a correre l’ultramaratona, si buttano con il paracadute da 4000m oppure fanno parte di un reparto speciale dell’esercito.

La fame di stimoli e di esperienza diretta li spinge a scegliere la vita avventurosa per perseguire la propria felicità. Non è però necessario gettarsi nella fossa dei leoni per vivere un’esperienza simile.

Basta farti coinvolgere nelle azioni che ti portano verso una meta desiderata, impegnarti, magari sbagliare per poi migliorare e arrivare dove volevi.

Alla fine sarai stanco e consumato forse, ma con quella sensazione di appagamento che solo chi l’ha sperimentata può descriverla.

Immagina quando porti a termine una cosa che ti eri prefissato oppure chiudi un percorso difficile e impegnativo che ti ha portato via tempo ed energia come una laurea oppure fare il raccolto del tuo orto. Ora hai capito cosa intendo.

Il Life coaching sposa perfettamente questa visione e ne fa una delle basi del suo metodo di applicazione.

Se ti rivolgi ad un Life coach per superare un problema e raggiungere l’obbiettivo ti troverai coinvolto in un approccio pratico e pragmatico che valorizza molto l’azione. Una delle parole d’ordine sarà allenamento: allenamento delle potenzialità e delle azioni.

Il metodo del Coaching infatti passa attraverso l’allenamento delle tue forze del carattere perché possa trovare in loro il motore dell’azione e della sua efficacia.

Così come quando vai in palestra per migliorare il tuo fisico affronti allenamenti e fatiche adatti, anche quando segui un percorso di Life coaching ti metti nella condizione di “allenarti”, abituarti alla fatica dell’azione ed essere sempre più “in forma e performante”.

Ti addestri a darti da fare al massimo delle tue possibilità senza scappare davanti alle difficoltà, affrontandole dove possibile con metodo e alle volte anche con aiuti esterni.

In questo modo ti osservi mentre impari, ricevi feedback sia da te stesso che dal Coach e cosa ancora più importante apprendi dagli errori.

Gli errori infatti vanno valutati e superati sempre in un’ottica di miglioramento continuo perché sono anche loro in grado di farti crescere e mostrare la via verso il tuo successo.

Si dice che Alessandro Magno, quando vide su una cartina l’ampiezza dei suoi domini, pianse, perché non vi era più nulla da conquistare. Ecco l’esempio di chi faceva dell’azione uno dei suoi fattori più motivanti e gratificanti.