Il Coaching e l'aspirapolvere

Quando per spiegare serve un paragone

Finalmente è arrivato. Il corriere mi ha suonato e sono sceso a prendere il pacco che aspetto da una settimana. Il mio nuovo aspirapolvere super accessoriato col turbo ora è davanti a me.

Le specifiche tecniche parlano chiaro: ha una grande potenza, arriva negli angoli più difficili e ha tutti i beccucci per aspirare polvere, pelo di animali e terra. Una vera forza della natura.

Immagino già di vederlo all’opera con il suo potente suono mentre porta via ogni particella di sporco e mi lascia tutto pulito, lindo, lucido e bello da guardare.

La presa. Dov’è il cavo con la presa? Eccolo, era infilato nel lato nascosto bene. Lo prendo e lo scorro fino a raggiungere l’apice da infilare nel muro. Da lì in poi partirà e la casa non sarà più quella che conoscevo.

Il primo tentativo fallisce, forse non ho preso bene la mira, forse non ho allineato bene i fori della presa. Non entra nel muro. Riprovo. Nulla.

Forse devo mettere gli occhiali. Nemmeno quelli funzionano. Il problema è la presa. Ha due innesti. Quella al muro è di un altro tipo. Ho cantato vittoria troppo presto. Ho smesso di sentire il rombo del mio aspirapolvere nuovo nella testa.

Mi serve un adattatore. Solo un adattatore mi separa dall’avere una casa splendida, invidiabile, come la voglio io. Mi era persino passata la stanchezza al pensiero di girare per le stanze con il mio nuovo mezzo.

La presa del Coaching

Da non credere. La mancanza di un piccolo oggetto come l’adattatore mi impedisce di collegarmi alla corrente, al potenziale di energia presente nella mia casa che non posso usare nonostante sia lì e la possa percepire

Esco e vado a recuperare ciò che mi manca. Lo strumento dovrà adattarsi perfettamente all’aspirapolvere e alla presa al muro.

Sono di ritorno. Funziona perfettamente ed è un successo. Lo passo per tutta la casa orgoglioso. È quello che volevo. È quello che cercavo. 

Il Coach è come quell’adattatore, quel piccolo oggetto che mette in relazione le tue potenzialità con te stesso e l’ambiente che ti circonda e ti permette di muoverti nel mondo per raggiungere i tuoi obiettivi. Quell’adattatore non condiziona l’aspirapolvere o il potenziale intrinseco della tua persona. Non ti suggerisce come fare o ti insegna qualcosa che non sai. Fa il suo lavoro, fa il catalizzatore come direbbe un biologo e proseguirebbe specificando che lo fa senza entrare nella reazione che facilita.

Perché il Coaching è molto di più di una semplice conversazione…

Coach per dimagrire
Coach per dimagrire

Avere accanto un Coach durante il dimagrimento per te significa poter contare su una risorsa importante per l’organizzazione dei nuovi comportamenti